La piattaforma FAD si è evoluta parallelamente alle tecnologie di comunicazione, passando da corsi in forma cartacea spediti per posta, a contenuti televisivi in videocassetta VHS o DVD fino ad arrivare ai giorni d’oggi attraverso l’utilizzo della rete internet.

La nuova frontiera dell’apprendimento, grazie al linguaggio di programmazione HTML5, è rivolta all’utilizzo dei dispositivi mobile, ipad e tablet per la fruizione dei corsi in assoluta comodità.

La completa libertà degli utenti dai vincoli temporali e spaziali, senza però perdere i vantaggi della collaborazione e delle interazioni di gruppo, ha permesso alla FAD di affiancare o addirittura sostituire la didattica tradizionale. La Teledidattica permette infatti di costruire team di collaborazione dette “Classi” che si confrontano tra loro attraverso forum e gruppi di discussione.

Piattaforma FAD: l’evoluzione in e-learning

La piattaforma FAD dedicata all’e-learning sfrutta esclusivamente gli strumenti on-line conferendo all’utente il ruolo di protagonista del proprio percorso formativo, permettendogli così di personalizzarlo autonomamente a proprio piacimento, senza tener conto del percorso intrapreso dagli altri utenti.

Oggigiorno gli standard riconosciuti per la teledidattica con caratteristiche di trasparenza e riutilizzabilità sono l’AICC e lo SCORM.

Piattaforma FAD: gli Standard AICC e SCORM

Con l’evolversi delle piattaforme e-learning si è venuta a creare l’esigenza di realizzare contenuti didattici ridistribuibili e compatibili con tutte le piattaforme.

Si è creata quindi l’esigenza di avere uno standard che descrivesse tutte le caratteristiche e le specifiche di un corso online. Per questo motivo sono stati creati l’AICC e successivamente lo SCORM nelle loro varie edizioni.

L’AICC nasce in ambito aeronautico, creato dall’aviazione USA per definire uno standard tecnico per la fornitura di contenuti didattici.
Successivamente questo standard verrà reso disponibile alla comunità degli sviluppatori fornendo di fatto uno dei primi modelli funzionali per gestire le informazioni contenute nei corsi di addestramento a distanza. L’AICC è stato gradualmente sostituito dallo standard SCORM.

Lo standard SCORM definisce le modalità con cui i materiali didattici vengono amministrati dalle piattaforme di e-learning (LMS).
Questo modello garantisce il riutilizzo, la tracciabilità e la classificazione degli oggetti didattici indipendentemente dai vari ambienti o piattaforme LMS che li ospitano.
Un pacchetto SCORM può contenere vari oggetti formativi che possono interagire tra loro tramite delle regole di propedeuticità con cui si rende obbligatorio il completamento di un oggetto per poter passare a quello successivo.
Attualmente è il principale modello di riferimento per la creazione di contenuti e-learning.

Se stai cercando una soluzione chiavi in mano per la formazione e la certificazione degli utenti e vuoi una consulenza gratuita, ti consiglio di visitare il sito DTP Informatica, un’azienda con grande esperienza sulle principali piattaforme LMS.

Contattaci!

Nella speranza che questa guida ti sia stata utile ti invito a condividere la pagina e a lasciare un commento al fine di migliorarla, segnalando i punti che non risultano chiari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *